Puntare il favorito in svantaggio

Puntare il favorito è una delle strategie più conosciute per il tennis con le scommesse Punta e Banca. Esiste però una variante interessante a questo tipo di scommessa che permette di ottenere un maggiore profitto. Come tutte le strategie anche questa ha una sua componente di rischio per cui bisogna essere bravi a valutare il momento giusto per utilizzarla.

Puntare il favorito in svantaggio vuol dire puntare su un giocatore che sta perdendo. State pensando che siamo impazziti? Continuate a leggere e capirete che non è così: puntare il favorito che sta perdendo vuol dire infatti prendere il giocatore ad una quota più alta e, quindi, ottenere un profitto maggiore. Bisogna che il giocatore vinca effettivamente la partita? Non necessariamente: ricordatevi che con il Betting Exchange potrete chiudere il vostro trading in ogni momento.

Puntare il tennista favorito in svantaggio: come funziona

Per farvi capire meglio cosa intendiamo cerchiamo di capire come funziona la strategia di puntare il tennista favorito in svantaggio ovvero puntare il favorito quando sta perdendo. Prendiamo uno dei giocatori più forti del mondo, Rafael Nadal. All’inizio della partita decidiamo di non piazzare nessuna scommessa: lo spagnolo è offerto ad una quota talmente bassa che non giustificherebbe il rischio di puntare.

Ci mettiamo a vedere la partita e inaspettatamente Nadal va in svantaggio. La sua quota inizierà a salire: bene, a questo punto decidiamo di puntare sul tennista spagnolo ad una quota più alta per ottenere un profitto maggiore. Questa è la teoria ma cerchiamo di vederla applicata nella realtà.

Esempio

Ad Indian Wells è in programma lo scontro tra Flavia Pennetta e Maria Sharapova. Inutile dire come la russa sia data per strafavorita. Ecco la situazione delle quote prima dell’inizio del match.

Pennetta

Come vediamo la russa è quota a 1.2 mentre la Pennetta è data a 5 volte la posta. Decidiamo di non operare nessuna scommessa pre match. È vero che la Sharapova è super favorita ma anche vero che l’italiana è la detentrice in carica del torneo e ha sempre ben figurato sul cemento americano.

Inizia la partita e la Sharapova va sotto. La sua quota arriva ad 1.40: a questo punto la situazione ci sembra interessante e decidiamo di puntare la tennista russa.

Pennetta 1

Puntiamo 10 euro sulla Sharapova a quota 1.40 e continuiamo a monitorare la partita. La favorita rimette la partita sui giusti binari e la situazione torna in parità. Quando la sua quota di bancata arriva a quota 1.2 decidiamo di chiudere la nostra scommessa. Banchiamo la Sharapova per 10 euro e otteniamo una situazione favorevole con un profitto di due euro in caso di vittoria della favorita e senza perdita in caso contrario.

Possiamo anche decidere di usare il cashout (anche manuale) per spalmare la vincita sui due risultati nel caso fossimo indecisi sull’esito del match.

Conclusioni

Come potete vedere a questo punto non ha più alcuna importanza l’esito finale della partita. Se abbiamo usato il cashout avremmo un profitto in entrambi i casi, altrimenti sappiamo comunque già con certezza di non mettere a rischio il nostro denaro.

Altro vantaggio di questa strategia è quello di non muoversi pre match ma solo con partita già iniziata quando possiamo avere già i primi feedback sull’esito dell’incontro. Ricordatevi però di non portare questa strategia all’esagerazione: le giornate storte possono capitare anche ai Top Ten. Se vedere che il tennista è in grande difficoltà uscite dalla scommessa prima che la situazione diventi irreparabile.



Clicca qui per giocare con il betting exchange!